RED VELVET CAKE

Questa torta, la RED VELVET CAKE, letteralmente torta di velluto rosso, è un dolce inventato dalla pasticceria MAGNOLIA BAKERY di New York e diventata famosa in tutto il mondo tramite film, telefilm, e social networks.

Si tratta fondamentalmente di una torta di pan di spagna al cacao, farcita di un frosting particolare. Il rosso intenso è dato dal colorante in gel alimentare . Il frosting è una farciuta fondamentalmente a basa di zucchero, panna, philadelphia, burro o mascapone.

Il colore rosso la rende particolarmente adatta alla festa di san Valentino, anche se in realtà si mangia sempre, anche sotto forma di cupcakes.

Noi l'abbiamo cotta in una teglia a forma di cuore, perché siamo particolarmente romantici, ma la forma classica è la più gettonata.

Video ricetta qui di seguito, lista ingredienti e preparazione subito dopo.

E voi? Avete voglia di mangiarne una fetta?


INGREDIENTI

per una teglia di 20-24 cm al max

250 gr di farina 00

120 gr di burro a temperatura ambiente

240 gr di zucchero biuanco semolato

3 uova medie

QB estratto di vaniglia

15 gr di cacao amaro

1 cucchiaino di colorante rosso in gel (al max in polvere, non liquido)

5 gr di aceto di mele

5gr di bicarbonato

1/4 di cucchiaino di sale, un pizzico insomma


per il latticello

125 gr di latte parzialmente scremato

125 grammi di yogurt magro bianco

1 cucchiaino di limone


per il frosting

275 gr di #philadelphia

275 gr di #mascarpone

350 gr di #panna

160 gr di zucchero a velo

QB di estratto di vaniglia


PROCEDIMENTO

Iniziamo con il preparare il latticello. Ma cosa è fondamentalmente? È un ingrediente tipico della tradizione culinaria anglosassone, divenuto estremamente diffuso anche perché, grazie alle sue proprietà, rende i dolci particolarmente soffici e umidi e li conserva a lungo.

La #redvelvet è una torta che non prevede una "bagna" in quanto sarà appunto umidissima di suo.

Per preparlo mischiamo tutti gli ingredienti previsti in modo che lo yogurt si sciolga nel latte, aggiungendo un cucchiaino di succo di limone. Usiamo una tazza grossa e lasciamo riposare una ventina di minuti prima di utilizzarlo.


Nella ciotola di una planetaria montiamo lo zucchero, il burro e l'estatto di vaniglia (un cucchiaino scarso) fintato che in composto non si presenti gonfio e spumoso: ci vorranno circa dieci minuti alla massima velocità. Attenzione che il burro sia davvero fuori frigo da diverse ore e lo zucchero aggiungetelo poco alla volta per ottenere un risultato strabiliante.

A quel punto abbassate la velocità dello sbattitore e unite un uovo alla volta: lasciate inglobare ogni singolo uovo prima di aggiungere il successivo. Montate poi, aumentendo la velocità, per circa cinque minuti.


Riprendete il vostro latticello, sciogliete al suo interno il colorante rosso in gel e mescolate per qualche minuto.

Abbassate al minio la velocità delle fruste e aggiungetelo tutto in una volta al vostro composto. Montate per un paio di minuti. Unite poi farina e cacaco settacciati continuando a montare a bassa velocità.


Per ultimo mischiate aceto, limone e sale e inseriteli nell'impasto: sarà il nostro agente lievitante!


Il vostro impasto sarà pronto quando si presenterà omogeneo nel colore e vellutato all'aspetto.


Imburrate ed infarinate il vostro stampo (noi abbiamo usato l'ungiteglia #paneangeli , versate il tutto al suo interno e ponete in forno già caldo a 175-180 gradi per 45-50 minuti.

La prova stecchino è d'obbligo.


Lasciatela totalmente raffreddare prima di toglerla dallo stampo (2-3 ore, potete anche farla il giorno prima e procedere da qui in avanti il giorno seguente).


Prepariamo il frosting: uniamo tutti gli ingredienti, Philadelphia, mascarpone, panna e zucchero in planetaria e montiamo per circa 6- 7 minuti. Il risultato deve essere un composto molto compatto e "rigido".


Riprendiamo la torta e tagliamola in tre dischi. Pareggiamo il disco superiore con l'aiuto di un coltello e teniamo da parte le eventuali rimanenze che potrebbeo tornarci utili per la guarnizione.


Ora potete decidere se guarnirla in maniera tradizionale ovvero stendendo il frosting su ogni disco e ricoprirla totalmente sia in sommità che ai lati. In questo caso utilizzate la rimanenza di cui sopra, ridotta in briciole e cospargetela sopra la torta.


Se volete fare una una guranizione più moderna, utilizandole delle fragole in sommità vi invitiamo a vedere la nostra video ricetta dove, grazie all'utilizzo di una sac à poche Davide ha creato dei ciuffi di frosting su più strati.


E voi? provate a farla con noi?








57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti