top of page

FOCACCIA DOLCE CAMPO DI FIORI

Grazie all'incontro che abbiamo avuto con L'orto di Muma (qui l'intervista), ci siamo avvicinati all'esperienza sensitivo-emozionale dei fiori eduli. Abbiamo scoperto che la nostra natura ci regala prodotti meravigliosi, che a volte non conosciamo, o verso i quali spesso abbiamo paura ad avvicinarci. Con l'aiuto di Simona, la nostra Muma, tutto è stato più semplice, per cui vi consigliamo davvero di contattarla sui social, anche solo per avere una spiegazione.

Abbiamo qualche giorno fa ricevuto da lei tantissimi fiori commestibili.

Davide, sprigionando tutta la sua creatività, ha adattato il suo prodotto "best of", la focaccia, in una sorta di campo fiorito dolce. Ed è così che è nata la FOCACCIA DOLCE CAMPO DI FIORI. Se non avete a disposizione i fiori eduli, vi daremo qualche suggerimento a fine post su come poter sfornare ugualmente un ottima focaccia dolce. Noi abbiamo usato esclusivamente prodotti BIO o non trattati a KM0, per esaltare nel migliore dei modi i fiori.


INGREDIENTI

Per l'impasto

250 gr di farina di farro BIO

250 gr di farina Manitoba BIO

50 gr di zucchero BIO

10 gr di lievito fresco BIO o 4 grammi secco (da NaturaSì si trova BIO)

1/2 bicchiere di latte tiepido BIO

260 ml di acqua

mezzo cucchiaino di sale

un mazzetto di fiori di lavanda


Per la decorazione/superficie fiori eduli a volontà

mezzo bicchiere d'acqua aromatizzata ai fiori eduli

3/4 cucchiai di zucchero

1 dito d'olio EVO del ponente ligure


PROCEDIMENTO

Per prima cosa occupiamoci dell'impasto: mischiamo le farine con lo zucchero nella tazza della planetaria, dove sbricioliamo dentro anche il lievito, inseriremo il latte, l'acqua, e i fiori di lavanda. Iniziate ad impastare. Nel momento in cui gli ingredienti si iniziano a compattare aggiungere l'olio e il sale. Quando l'impasto sarà ben incordato, formare una palla e lasciarlo riposare fino al raddoppio del volume.


Procedere intanto con la pulizia dei fiori: in una bacinella piena di acqua fresca li muovete leggermente senza danneggiarli, dopodiché li trasferirete in una piccola boule piena di acqua e lì lascerete fino al momento dell'utilizzo: l'acqua si dovrà aromatizzare grazie al processo di infusione, per questo motivo, più i fiori staranno immersi è più aromatizzata sarà la vostra acqua. Poco prima di utilizzarli, con una colino a maglie strettissime filtrerete l'acqua, mettendola da parte e scolerete i fiori


Una volta terminata la lievitazione, prendete una teglia abbastanza grossa, ad esempio la leccarda del forno, e poneteci un foglio di carta forno bagnato e strizzato nell'acqua di infusione. Cospargete mezzo dito di olio EVO sulla carta bagnata, e adagiateci sopra il vostro impasto. Allargate la focaccia, che avrete pagato in superficie con il restante olio, fino ai bordi.


Ora il momento più bello e creativo: disponete i vostri fiori eduli come se si trattasse di un campo fiorito, oppure create dei disegni con essi. Ognuno può dar libero sfogo alla propria fantasia e dare sfogo alla vena artistica che noi tutti in qualche modo possediamo.


Sciogliete poi nell'acqua aromatizzata 3-4 cucchiai di zucchero, inserite il tutto in uno spruzzino per alimenti. Nebulizzate moltissimo il vostro CAMPO DI FIORI, con questa emulsione, insistendo sui lati maggiormente.


Fate cuocere a 220 gradi per 20-25 minuti, fintanto che la superficie non sarà dorata.

Sfornatela e ponetela su una gratella. Se riscontrate difficoltà a staccare la carta forno, aspettate che si raffreddi completamente prima di toglierla.


Servitela ai vostri ospiti per farli rimanere a bocca aperta! Sentirete l'odore di fiori che vi rimarrà in casa tutto il giorno! Straordinaria!


ALTERNATIVE

Se non avete i fiori eduli, è un vero peccato, perché questa ricetta va davvero provata, respirata e mangiata. Tuttavia potrete fare una focaccia dolce "semplice" diminuendo lo zucchero nell'impasto a due cucchiai soltanto. Una volta che stenderete la focaccia, cospargetela di abbondate olio EVO del ponente ligure dal gusto delicato, e spargeteci sopra 100 grammi di zucchero. Cuocetela a 240 gradi per 15-20 minuti (controllate che lo zuccheri non bruci). Mangiatela una volta tiepida o fredda.


Buon appetito a tutti!





70 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page