top of page

FALSI AMARETTI AL LIMONE. BISCOTTI!

Dopo i bagordi di questi giorni, abbiamo pensato di proporvi dei biscotti dal gusto fresco e dall'aspetto accattivante.

Potrebbero sembrare amaretti, potrebbero...

In realtà si tratta di biscotti morbidissimi, ottimi da assaporare con un infuso, magari di the matcha (tè verde giapponese), o semplicemente gustati a conclusione di un pasto, o ancora come spezza fame. Se avete un limone BIO non trattato, avrete sicuramente tutto per realizzarli in pochi minuti.

Pronti? Si cucina!


INGREDIENTI

300 GR di farina 00

1 uovo

100 GR di zucchero

90 GR di olio di semi mais

Il succo di un limone BIO non trattato

Scorza del limone di cui sopra :-)

Mezza bustina scarsa di lievito per dolci

Zucchero a velo.


PROCEDIMENTO

Prendete una scodella abbastanza capiente mettendoci dentro l'uovo, lo zucchero, la scorza del limone, il suo succo, l'olio e il lievito. A questo punto con una forchetta, o una planetaria munita di gancio a foglia, iniziate a mescolare aggiungendo la farina lentamente a più riprese.

Finirete di impastare a mano sulla spianatoia infarinata leggermente. L'impasto deve assumere la consistenza di una frolla, se troppo morbibo aggiungete poca farina, al contrario un filo d'olio stando attentissimi a non esagerare.


Iniziate ad Accendere il forno a 180 gradi statico, o 170 gradi ventilato.

Fate dell'impasto tante palline della grandezza di una noce o poco meno, ma tutte uguali.

In un contenitore pieno di zucchero a velo, ponete parecchie sfere alla volta (noi ce le buttiamo proprio e le copriamo totalmente).

Passate le "sfere inzuccherate" sopra una teglia, ricoperta di carta forno, e infornate per venticinque minuti circa.


Et voilà...SFORNATI!


Ovviamente, è la forma a sfera che darà l'inganno visivo di aver davati a sé un amaretto (cuocendo, la parte inferiore si appiattisce, mentre sopra si mantiene la semisfera). Nel caso non vi piacesse l'effetto visivo, potete sempre stendere l'impasto per fare dei normalli biscotti, spolverizzando sopra di essi lo zucchero a velo (anche a velo di canna, per essere ugualmente originali), ma abbassando i tempi di cottura a 10-15 minuti.


Consumateli quando si saranno raffreddati.







70 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Post: Blog2_Post
bottom of page